Un sacconiglio per la nanna

Secondo il metodo Montessori bisognerebbe educare il proprio figlio alla più completa autonomia. Ora, al di là del pericolo che ciò possa degenerare in una situazione di totale perdita del controllo, credo sia giusto fornire ai nostri bimbi gli strumenti per muoversi da soli in questo mondo.
Il Piccolino oggi va a nanna da solo. Mi chiede di passargli il latte, scavalla nella sua culla e si tira su il lenzuolino. Si lava i denti da solo, odia essere imboccato, scegli i vestiti in base al suo gusto. Spesso mi dice di tacere, con le mie chiacchiere sembro disturbarlo. Tutto ciò a volte mi spaventa.
Per prepararlo alla nanna, ho deciso di sistemare le sue cose in un sacchetto appeso ad un gancio, in bagno, ovviamente alla sua altezza.
E per rendere la cosa più divertente, il suo sacchetto è diventato… un SacConiglio! 
Per realizzarlo ho sovrapposto due rettangoli di stoffa bianca e li ho cuciti su tre lati, facendo attenzione a lasciare delle aperture di circa tre cm, due sui lati lunghi e una al centro della base.

Da un foglio di carta ho ritagliato un orecchio lungo una trentina di centimetri; l’ho riportato sulle maniche di una vecchia camicia del Maritino (va be, non vecchissima, ma con quelle inspiegabili macchie di candeggina, dove volete che andasse???), cucito al contrario e poi rivoltato.

Ho poi fatto una piccola piega e ho infilato le orecchie, una per lato, nelle aperture laterali lasciate non cucite.

Il risultato finale, una volta cucito e rivoltato, dovrebbe essere questo. 
Ho poi disegnato un cerchio su un pezzetto di stoffa, fatto una cucitura a mano con punti abbastanza lunghi, tirato l’estremità del filo e ottenuto un piccolo sacchetto; l’ho riempito di imbottitura, tirato ancora un pò il filo e creato così la mia codina, che ho infilato e cucito nella apertura alla base del sacchetto. 

A questo punto ho chiesto aiuto alla mamma perché mi realizzasse un’asola nel bordo superiore del sacchetto. Ho poi fatto una bella piega e l’ho fermata con una cucitura, creando così il passaggio per un cordoncino. 

Io ho usato un laccio di scarpe come cordone: le sue punte strette mi hanno permesso di infilarlo con facilità e di farlo poi scorrere lungo il bordo superiore. 

Questo è il sacchetto finito! Non vi resta che riempirlo con un pigiamino del Pupo, tirare il cordone e appenderlo alla parete.

Io lo trovo davvero carino… voi cosa ne pensate?!?

Baci morbidosi a tutti! 

Condividi:
 
Carmela Deleo
Articolo creato 152

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto