Di vecchie letture e nuovi arrivi

Ogni volta che una mia amica mi dice di essere in attesa di un bimbo, io compro un libro… e magari realizzo anche un nuovo cake topper!

Questa volta si aspetta la nascita della piccola Alice: arriverà il prossimo mese ad incasinare la vita alla sua mamma e al suo papà, in una delle città più suggestive del nostro Paese, Matera.

Per lei ho creato una pecorella tutta rosa, allegra e felice sotto una pioggia di cuoricini confetto.


Per la sua mamma ho scelto invece un libro di Erri De Luca, “In nome della Madre, a mio avviso il più bel racconto sulla gravidanza.
De Luca ha una sensibilità speciale nel raccontare le emozioni più intime… qui ripercorre l’attesa di Miriam o Maria, la madre di Gesù.
Eppure ciò che si legge non è una storia di religioni o dogmi. Le sue parole non hanno nulla della rigidità biblica ma sposano alla perfezione l’infinita dolcezza e la sconfinata poesia di una vita che nasce, una semplice vita che si sboccia nel ventre di una mamma.


Un libro che è quindi un augurio a godere della gioia, della meraviglia e dello stupore di quest’attesa, veloce e lieve come una nuvola nel cielo.
In ebraico esistono due emme, una normale che va in qualunque punto della parola e una che va solo in ultima casa.
Mirìam ha due emme, una d’esordio e una terminale.
Hanno due forme opposte.
La emme finale, mem sofit in ebraico, è chiusa da ogni lato.
Quella iniziale è gonfia e ha un’apertura verso il basso.
… é una emme incinta”
(dalla quarta di copertina di “In nome della Madre”)
Condividi:
 
Carmela Deleo
Articolo creato 153

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Inizia a scrivere il termine ricerca qua sopra e premi invio per iniziare la ricerca. Premi ESC per annullare.

Torna in alto